fbpx

Tecarterapia

La vita non si spiega. Si vive.”
Luigi Pirandello

Tecarterapia

La Tecarterapia, nota anche come Tecar, è un trattamento elettromedicale che permette un recupero  più veloce dai traumi e dalle patologie infiammatorie dell’apparato muscolo-scheletrico.

Si tratta di una forma di termoterapia endogena.
La parola “termoterapia” significa “terapia basata sul calore”. L’impiego del calore, con finalità terapeutiche in presenza di affezioni dolorose muscolari e articolari, è diffuso da diversi decenni.

Tecar e l’acronimo di Trasferimento di Energia Capacitiva e Resistiva. Il dispositivo Tecar utilizzato in tecarterapia può lavorare in due modalità: la modalità capacitiva e la modalità resistiva.

La modalità capacitiva è indicata per il trattamento di problematiche a livello dei tessuti molli, con una bassa resistenza alla corrente, come i muscoli, la cute, il tessuto connettivale, i vasi sanguigni e i vasi linfatici.

Nel caso della modalità resistiva, invece, vengono trattati danni a livello di tessuti con un’alta resistenza al passaggio di corrente, come le ossa, le articolazioni, i tendini, i legamenti, le cartilagini ecc.

Alla luce di ciò, risulta abbastanza chiaro che la scelta della modalità di utilizzo della Tecar dipenda dal tipo di tessuto biologico su cui bisogna agire.

=

Gli effetti biologi, prodotti dalla Tecarterapia, sono fondamentalmente tre:

  • Incremento del drenaggio
  • Aumento della vasodilatazione e quindi dell’ossigenazione dei tessuti
  • Incremento della temperatura interna.
=

Indicazioni terapeutiche della tecarterapia:

  • Patologie muscolari: contratture, stiramenti o strappi, contusioni, edema
  • Patologie dolorose della colonna: lombalgie, dorsalgie, cervicalgie
  • Patologie della spalla: tendinite e tenosinovite, tendinopatie inserzionali, capsulite adesiva
  • Patologie del gomito: epicondilite, epitrocleite
  • Patologie del polso e della mano: tendiniti e tenosinoviti, rizoartrosi
  • Patologie dell’anca: coxartrosi, borsite, pubalgia
  • Patologie del ginocchio: condropatia rotulea, gonartrosi, esiti di lesioni traumatiche dei legamenti crociati anteriore e posteriore, distorsioni
  • Patologie della caviglia e del piede: esiti di fratture, distorsioni, fascite plantare, tendinite achillea
  • Riabilitazione post-chirurgica

La Tecarterapia è ampiamente usata in ambito sportivo poiché permette un rapido recupero dai traumi (contusioni, distorsioni, ecc…) e dall’affaticamento post gara.

Sabino de Bari

Iscrizione all’albo Fisioterapisti n.913
Partita IVA 01073090533

©2021 Sabinodebari
©2021 Fisioterapia strategica

Crediti fotografici: ©Valentina Fusco

Le informazioni presenti in questo sito non sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Le informazioni fornite non devono essere considerate suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.

Privacy policy

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi